lo Svaneti-un vero gioiello nascosto tra le maestose montagne del Caucaso in Georgia - KN TV

ქართულ-იტალიური ტელევიზია

lo Svaneti-un vero gioiello nascosto tra le maestose montagne del Caucaso in Georgia

Lo Svaneti, è la regione storico-geografica montuosa più alta della Georgia. Si trova nella parte settentrionale della Georgia occidentale, sulle pendici meridionali della catena del Caucaso. Confina a est con Racha, a sud con Lechkhumi e Samegrelo, a ovest con l’Abkhazia, a nord con Karachay-Circassia e Cabardino-Balcaria. Circondata dalle montagne del Caucaso alte 3.000-5.000 metri, Svaneti è considerata la regione più popolata del Caucaso. Le 10 vette più alte del Caucaso si trovano a Svaneti. Tra questi ci sono la vetta più alta della Georgia Shkhara (5201 m), Tetnuld (4974 m), Shota Rustaveli (4960 m), Ushba (4710 m), Aylama (4525 m), Lalver, Latsga e altri.

È diviso in Svaneti superiore (fiume Enguri superiore) e Svaneti inferiore (fiume Tskheniskali superiore). Sono separati dall’alta cresta Svaneti con il Latpar Zekar (passo). L’Alto Svaneti è costituito dalla valle del fiume Enguri, dalla testata dell’Enguri fino al confine di Samegrelo. Zemo Svaneti era diviso in due parti dalla cresta di Bali. Bals Kvemo Svaneti era di proprietà dei Dadeshkeliani, mentre Bals Zemo Svaneti era chiamato Svaneti libero. C’erano 13 comunità a Zemo Svaneti:

Sadadeshkeliano: Etseri, Fari, Lakhamula, Tshumari;
Svaneti liberi: comunità di Latali, Langer, Mestia, Mulakh, Tsvirmi, Ifari, Kala, Ushguli;

La Svaneti storica comprendeva anche la valle di Kodori, dove gli Svan si stabilirono nel XIX secolo, sebbene gli Svan vivessero qui anche nei tempi antichi. Fonti greche si riferivano agli abitanti della valle di Kodori come Misimians, che è una traduzione dell’omonimo Svan “Mushuan”.

Secondo la moderna divisione amministrativo-territoriale, Zemo Svaneti è compreso nel comune di Mestia del distretto di Samegrelo-Zemo Svaneti, Kvemo Svaneti è compreso nel comune di Lentekhi di Racha-Lechkhumi e nel distretto di Kvemo Svaneti, la valle di Kodori è nel comune di Azhar. La maggioranza assoluta della popolazione di Svaneti è georgiana, in particolare il loro gruppo etnografico: gli Svan.

Storia

Mestia è il 1890
Tracce di vita umana nel territorio di Svaneti risalenti al Neolitico, a.C. anno È documentato a partire dall’VIII-VII millennio. I resti neolitici sono stati scoperti a Langer nello Zemo Svaneti e a Tshmeluri nel Kvemo Svaneti. Nell’età del bronzo, a.C anno Un denso insediamento apparve a Svaneti nel IV-I millennio. A Zagraş e sul monte Lefur sono state rinvenute miniere di rame dell’età del bronzo, dalle quali l’arsenico o lo stilbium estratto sul posto veniva mescolato con il minerale estratto e si ottenevano prodotti di bronzo di alta qualità. Un grande centro di produzione del bronzo era l’alto fiume Rion, che faceva anche parte della Svaneti. Il territorio dell’insediamento originario degli Svan comprendeva l’odierna Svaneti, così come Racha-Lechkhumi, la valle di Kodori, parte dell’odierna Samegrelo. Il vecchio nome di Sukhumi, Tshumi, è di origine Svan. I toponimi Svan e gli edifici Svan sono confermati anche nelle fonti di Tergi e Kuban.

un vero gioiello nascosto tra le maestose montagne del Caucaso in Georgia. Questa destinazione affascinante e suggestiva è un vero paradiso per gli amanti della natura, dell’avventura e della cultura. Con il suo paesaggio mozzafiato, le antiche torri di difesa e l’atmosfera autentica, Svaneti è una meta che merita di essere esplorata.

In questo articolo, vi condurrò alla scoperta delle meraviglie dello Svaneti, fornendovi informazioni dettagliate su cosa vedere e come raggiungere questa straordinaria regione.

Nei secoli precedenti, Svaneti era una parte costituente del Regno di Kolkheti e contribuì in modo significativo alla produzione d’oro di Kolkheti. L’emergere del mito del vello d’oro è collegato all’estrazione dell’oro a Svaneti. AVANTI CRISTO anno Alla fine del II secolo, il Regno della Colchide fu conquistato dal Regno del Ponto. Svaneti sopravvisse alla conquista del Ponto e fu un’entità politica indipendente per circa due secoli. AVANTI CRISTO anno Nei secoli IV-I Svaneti aveva stretti rapporti economici e commerciali con il mondo esterno. Nella valle di Chuberi sono state trovate un gran numero di monete coniate da Alessandro Magno e dal suo successore Lisimaco. Secondo Strabone, gli Svan vivevano sulle vette del Caucaso, sopra i Dioscuria, avevano Basileus, un consiglio di 300 persone e potevano guidare un esercito di 200.000. Nel 63 d.C. l’Impero Romano abolì il Regno del Ponto e lo pose sotto il suo diretto dominio. Svaneti non entrò nell’Impero Romano, sebbene fosse obbligato a pagare un tributo di cera.

Dal I secolo Svaneti fa parte del Regno di Egris. Secondo Procopio di Cesarea, Svaneti era governata da un arconte nominato dal re di Egris e gli obbediva. Il vescovo di Svanta nominato dal re di Egris venne approvato dall’imperatore di Bisanzio e gli venne conferito il titolo di protostratore. Questo titolo fu utilizzato anche dalle tribù Svan nei secoli successivi. Nell’iscrizione dell’XI secolo dell’icona di San Giorgio a Labechini, Ioane Vardanisdze è menzionato come vasaio e protostratore di Svanta Eristavi. Durante questo periodo a Svaneti si svilupparono l’apicoltura e la produzione del cuoio. Nel VI-VII secolo, gli storici bizantini menzionano la tribù Mysimi. Secondo i loro stessi rapporti, il popolo di Misim era autonomo e obbediva non all’Erista di Svaneti, ma direttamente al re di Egris. Il luogo di insediamento dei Misimiani era la valle di Kodori. Nei secoli V-VI, l’Impero Sasanide tentò più volte di conquistare Svaneti, il che si spiega con l’importanza strategica di Svaneti. La prima spedizione di questo tipo è documentata nella seconda metà del V secolo. Durante la Grande Guerra Egris, la Persia riuscì ad occupare Svaneti. Nel 552, l’esercito persiano entrò a Svaneti con il consenso di Svaneti Eristav Zathe. Nel 562 fu conclusa una tregua tra la Persia e Bisanzio, sebbene la questione di Svaneti rimase aperta. Nel 571 iniziò una nuova guerra bizantino-persiana e nel 575 l’esercito combinato di Bizantini e Laze scacciò i Persiani da Svaneti. Nel 589-590, i persiani sotto il comando di Barami invasero nuovamente Svaneti, ma non riuscirono a rafforzarsi lì.

Cultura e tradizioni


Svaneti era un tesoro di chiese e monasteri georgiani. A Svaneti sono conservati i quattro capitoli dell’Adishi, il monumento più importante dell’antica lingua e scrittura georgiana portato da Klarjeti alla fine dell’XI secolo. Fu copiato nell’897 ed è il più antico vangelo georgiano datato. Il testo maiuscolo è scritto con inchiostro dorato. Le quattro teste di Adish sono attualmente conservate nel museo storico ed etnografico di Svaneti a Mestia.[30] Un gran numero di orafi, dipinti murali e sculture in legno sono stati creati dai maestri del cigno.

Gli Svan producevano cappelli da uomo in lana. Il cappello Svan è realizzato in cotone. Protegge ugualmente dal caldo e dal freddo. Il cappello di un cigno è solitamente bianco o grigio. I cappelli neri sono indossati solo dalle persone in lutto. Il cappello è semplice e presenta una croce sopra con un filo di seta e una fascia di cotone.

folclore
Svaneti è ricco di folklore musicale. Particolarmente degni di nota sono gli inni del sole e dell’alba, canti eroici e divertenti, il canto di lutto “Zari”, che viene eseguito solo da uomini. In tutte le comunità di Balszemo Svaneti veniva suonata solo la “campana” caratteristica di questa comunità, mentre Balskvemo Svaneti aveva una “campana”.

Chang è uno strumento del cigno. È molto simile agli antichi strumenti della Mesopotamia, in particolare all’arpa sumera. Chang ha 5 o 6 filetti di pollo. Le canzoni Svan sono accompagnate da questo strumento.

Svaneti è caratterizzato dalla poesia epica: ballate eroiche senza rima.

Lifanal
Lifanal è una celebrazione delle anime dei morti. Dura diversi giorni. Durante il Lifanal, la casalinga prepara la “vernice” mescolando acqua santa e cenere e disegna semplici figure con il dito su vari oggetti per conquistare i cuori delle anime dei defunti.

A caccia
Gli Svan e gli abitanti della regione montuosa della Georgia orientale cacciavano in montagna fin dai tempi antichi. Per camminare sulla neve e sul ghiaccio si utilizzavano attrezzature speciali, sci e racchette da neve. Gli sci erano fatti di rami di noce, le tacchette erano di metallo.

Cosa vedere nello Svaneti

Lo Svaneti è una regione che incanta con la sua bellezza naturale, la sua ricca storia e la sua cultura unica. Da Mestia a Ushguli, dalle torri di difesa alle chiese antiche, Svaneti offre un’esperienza autentica e indimenticabile. Con la sua posizione remota e le maestose montagne che la circondano, questa regione è perfetta per gli amanti dell’avventura, dell’esplorazione e del fascino autentico. Pianificate il vostro viaggio nello Svaneti e scoprite la sua bellezza selvaggia e incontaminata.

Mestia

Situata nel cuore dello Svaneti, Mestia è una delle destinazioni più affascinanti e iconiche della Georgia. Questa città medievale incanta i visitatori con la sua atmosfera autentica, le antiche torri in pietra e i paesaggi mozzafiato. Mestia vanta una ricca storia che risale a oltre 4.000 anni fa. Fu un importante centro culturale e commerciale lungo la via della seta e divenne una fiorente città nel periodo medievale. La sua storia è testimoniata dalle numerose torri in pietra che punteggiano il paesaggio urbano. Queste torri, chiamate “koshki”, venivano utilizzate come abitazioni e come meccanismo di difesa durante i conflitti.

Durante una visita di Mestia, non perdetevi il Museo di Storia ed Etnografia di Svaneti, tappa obbligata per coloro che desiderano immergersi nella storia e nella cultura di questa regione affascinante. Il museo ospita una vasta collezione di reperti storici, manufatti tradizionali, costumi e opere d’arte. Attraverso esposizioni interattive e informative, i visitatori possono scoprire la storia di Svaneti e approfondire la sua ricca cultura.

La Chiesa di San Giorgio è un’altra gemma culturale di Mestia. Questa chiesa ortodossa, costruita nel IX secolo, si distingue per la sua architettura tradizionale georgiana e per gli affreschi antichi che adornano le pareti interne. All’interno della chiesa, si respira un’atmosfera di spiritualità e tranquillità, e i visitatori possono ammirare l’arte sacra e immergersi nella storia religiosa di Svaneti.

Ma sono le torri in pietra la vera icona di Mestia, le quali costituiscono una delle principali attrazioni della città. Queste maestose torri, alte fino a 20 metri, sono state costruite per proteggere le famiglie locali dagli attacchi e rappresentano una parte importante della storia e dell’architettura di Svaneti. Ogni torre ha la sua storia unica da raccontare, e alcune di esse sono aperte ai visitatori per consentire loro di esplorarne l’interno e ammirare la vista panoramica sulla città.

Ushguli

Nascosto tra le maestose montagne della regione di Svaneti, Ushguli è un gioiello nascosto che incanta i visitatori con la sua bellezza intatta e il suo carattere autentico. Situato a un’altitudine di oltre 2.200 metri, Ushguli è considerato il villaggio abitato più alto d’Europa.

Ushguli trasporta i visitatori in un’epoca passata, con i suoi antichi villaggi di pietra e il suo fascino rurale intatto. Il villaggio è composto da diverse piccole comunità, ognuna con le sue tradizioni e il suo patrimonio culturale. Le torri in pietra, simboli distintivi di Svaneti, dominano l’orizzonte e raccontano storie di difesa e resistenza. Camminare per le strade di Ushguli è come fare un viaggio nel tempo, in un’epoca in cui la vita scorreva a un ritmo più lento e in armonia con la natura circostante.

Le torri di Svaneti sono un’attrazione imperdibile a Ushguli. Queste antiche torri in pietra, alcune delle quali risalgono al IX secolo, sono un simbolo dell’architettura e della cultura svane. Ogni torre ha la sua storia unica da raccontare e offre una vista panoramica sulle montagne circostanti. Le torri sono state utilizzate come abitazioni e come punti di osservazione strategici durante i periodi di conflitto. Oggi, molte di queste torri sono state restaurate e aperte al pubblico, offrendo un’esperienza unica per esplorare la loro storia e ammirare il panorama mozzafiato.

La Chiesa di Laertes è un’altra attrazione di grande importanza culturale a Ushguli. Questa chiesa ortodossa, costruita nel XII secolo, si erge maestosa con la sua architettura tradizionale e le sue decorazioni artistiche. All’interno della chiesa, si possono ammirare affreschi antichi e icone sacre che narrano la storia religiosa di Svaneti. La Chiesa di Laertes è un luogo di preghiera e spiritualità, e la sua visita offre un’esperienza di profonda serenità.

Ushguli è inoltre circondata da paesaggi montani mozzafiato. Le cime delle montagne, le valli verdi e i fiumi impetuosi creano uno scenario naturale di straordinaria bellezza. I visitatori possono godere di escursioni panoramiche lungo i sentieri che conducono a panorami spettacolari e ammirare la flora e la fauna uniche della regione. Durante l’inverno, Ushguli si trasforma in un paradiso per gli amanti dello sci, offrendo piste impegnative e una neve di alta qualità.

Chiesa di La Maria a Etseri

La Chiesa di La Maria a Etseri è una delle chiese più antiche e importanti di Svaneti. Questo edificio religioso, costruito nel IX secolo, presenta una magnifica architettura tradizionale georgiana e affreschi ben conservati. La chiesa è un luogo di grande significato spirituale per la comunità locale ed è aperta ai visitatori che desiderano ammirare il suo splendore artistico e storico.

View from the Niedergadenalm into the Weissenbachtal with Rinnkogel, Osterhorngruppe, Salzkammergut, Land Salzburg, Austria, Europe

Come arrivare nello Svaneti

L’aeroporto internazionale più vicino allo Svaneti è l’Aeroporto di Kutaisi, che serve voli nazionali e internazionali. Dall’aeroporto, è possibile prendere un taxi o noleggiare un’auto per raggiungere la regione di Svaneti. Il viaggio in auto richiede circa 4-5 ore, ma vi offre anche la possibilità di ammirare i panorami spettacolari durante il tragitto.

È possibile anche raggiungere Svaneti in autobus da diverse città georgiane, come Tbilisi e Kutaisi. Gli autobus sono un’opzione economica e comoda per gli spostamenti all’interno del paese. Le strade che conducono a Svaneti sono panoramiche e offrono viste spettacolari sul paesaggio montano.

Se preferite l’autonomia e la flessibilità, potete noleggiare un’auto e guidare fino a Svaneti. Le strade sono generalmente in buone condizioni, ma è consigliabile prestare attenzione durante la guida in montagna. Assicuratevi di essere preparati per le condizioni stradali e di avere una mappa o un dispositivo GPS per orientarvi.

Giornalista – Keti Nogieva

TV Italo-Georgiana KN TV

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

KN TV

P.IVA 03892120795
DOMICILLIO DIGITALE/PEC kntv@pec.it
Indirizzo Sede FIRENZE (FI) Numero repertorio economico amministrativo (REA) Fi-693757
KNTVMEDIA.COM DI KN TV

© KNTVMEDIA.COM – All rights reserved. 2023