6 fatti interessanti sulla Georgia: Quello che devi sapere - KN TV

ქართულ-იტალიური ტელევიზია

6 fatti interessanti sulla Georgia: Quello che devi sapere

La Georgia, è un paese che ha molto da offrire: Una cucina particolare, panorami bellissimi, percorsi escursionistici fantastici e, come se non bastasse, la gente del posto ti mostrerà un’ospitalità incredibile. Ma questo articolo non riguarda i migliori vini, i piatti deliziosi o di percorrere i più bei sentieri escursionistici della Georgia. No, oggi ti accompagneremo in un viaggio nel passato storico del paese.

Introduzione

La Georgia sarà anche un paese piccolo, ma ha una grande storia. Si trova al crocevia tra l’Europa orientale e l’Asia occidentale e fa parte della regione del Caucaso. Confina con il Mar Nero a ovest, con la Russia a nord e a est, con la Turchia e l’Armenia a sud e con l’Azerbaigian a sud-est. Grazie alla sua posizione strategica, il paese è stato per secoli teatro di battaglie tra grandi imperi.

Ciononostante, il Paese è riuscito a sopravvivere e a conservare la propria statualità. Nel 1999, in una valle del Caucaso è stato ritrovato il cranio di un Homo erectus, a dimostrazione del fatto che i primi esseri umani si stabilirono qui 1,8 milioni di anni fa. Nel corso dei millenni, molti popoli migranti si mescolarono con la popolazione sedentaria, creando uno spazio culturale diversificato.

La Georgia prima di Cristo

Nel secondo millennio a.C., nella zona furono fondati i primi stati, Diaohi e Kolkha. Furono rovesciati dalle tribù nomadi che invadevano il nord. Tra il VI e il IV secolo a.C. furono fondati i regni della Colchide e dell’Iberia. La potenza della Colchide si riflette anche nell’antica mitologia greca, dove gli Argonauti erano alla ricerca del Vello d’Oro. La creazione dell’alfabeto georgiano è associata al re dell’Iberia Parnavaz.

Cristianesimo in Georgia

Il IV secolo rappresentò un punto di svolta. Nel 326, San Nino di Cappadocia introdusse nel paese una nuova religione, il cristianesimo. La proclamazione del cristianesimo come religione di stato fu fondamentale per il futuro sviluppo del paese. Nel Medioevo si formarono i principati reali, dopo i quali iniziò la lotta per l’unificazione. Il più grande re georgiano del XII secolo, Re Davide, unificò il paese. Riuscì a rendere la regione lo stato più forte.

Il secolo d’oro

Sotto la guida della prima regina donna, la regina Tamar, la Georgia visse il suo periodo di massimo splendore, il cosiddetto “Secolo d’Oro”. In questo periodo, la potenza e lo sviluppo del paese raggiunsero il loro apice. Il rafforzamento del paese portò alla fioritura dell’architettura, della pittura e della poesia georgiana medievale.

Solo 100 anni dopo, però, il paese si disintegrò in vari piccoli stati. Già tra l’VIII e il X secolo, gli arabi avevano invaso il paese e cercato di diffondere l’Islam. 

Infine, dopo il secolo d’oro della Georgia, gli Ottomani e i Persiani iniziarono a competere alternativamente per la terra. 

Dominazione russa

All’inizio del XIX secolo, i georgiani cercavano alleati contro gli Ottomani. La Russia inviò quindi un supporto militare alla Georgia, con il risultato che il paese divenne dipendente dalla Russia.

Tuttavia, la statualità che la Georgia ottenne dopo la fine della Prima Guerra Mondiale e che fu riconosciuta dalla Russia durò solo tre anni.

Dopo che la Georgia fu occupata dall’Armata Rossa, fu dichiarata una repubblica all’interno dell’Unione Sovietica. 

Per i decenni successivi, il paese fu tenuto sotto scacco dalla corruzione, da un’economia sommersa e da un apparato statale e partitico di alto livello. Mentre Eduard Shevardnadze fu nominato capo del partito comunista georgiano nel 1971, con l’intenzione di legare saldamente il paese agli ordini di Mosca, i georgiani non rinunciarono al loro desiderio di statualità.

L’indipendenza della Georgia

La rottura con l’Unione Sovietica avvenne nel 1990, dopo la quale i georgiani si liberarono immediatamente di tutte le influenze russe. Il popolo sperava in uno stato unificato e pacifico, ma questa speranza non durò a lungo dopo ogni nuova elezione. I presidenti Swiad Gamsakhurdia o Mikheil Saakashvili non riuscirono a realizzare i desideri dei georgiani e portarono in carica corruzione e libertà di stampa limitate. 

Nel 2008, i disordini tra la Georgia e le province dell’Abkhazia e dell’Ossezia del Sud sono sfociati in un conflitto armato, ma l’UE è riuscita a porvi fine con un cessate il fuoco solo cinque giorni dopo.

Il primo ministro Irakli Gharibashvili è in carica dal febbraio 2021.

Informazione del – www.triplegend.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

KN TV

P.IVA 03892120795
DOMICILLIO DIGITALE/PEC kntv@pec.it
Indirizzo Sede FIRENZE (FI) Numero repertorio economico amministrativo (REA) Fi-693757
KNTVMEDIA.COM DI KN TV

© KNTVMEDIA.COM – All rights reserved. 2023